Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Il Cerchio, la Sfera e la Volpe

Il 7 maggio 2019 furono arrestati il Cerchio e la Sfera, con l’accusa di frode.

Da migliaia di anni godevano di tutti i vantaggi dati dalla parentela teorica che sta tra i concetti geometrici. Si tratta forse del più grande scandalo Euclideo della storia.

Due pezzi grossi come il Cerchio e la Sfera non ebbero problemi a procurarsi i migliori avvocati, che in men che non si dica costruirono una solidissima linea di difesa.

Raccolsero innumerevoli testimoni (il Cilindro, il Cubo e gli altri solidi platonici, il π, intervennero addirittura il Cono e l’Apotema) e riesumarono precedenti antichissimi, il più importante di questi era sicuramente lo scandalo sorto tra il Lato del Quadrato e la sua Diagonale.

Tutti si chiedevano da chi partisse l’accusa: chi mai avrebbe avuto il coraggio di sfidare le più pure delle figure? Qualcuno pensava che fossero stati l’Ellisse e l’Ovale, da sempre gelosi dei due imputati. Qualcuno pensò che fosse un ennesimo attacco terroristico di qualche fanatico Non-Euclideo.

Nessuno pensò al vero, l’accusa era partita dal basso: era proprio il Raggio, sostenuto dall’insospettabile Punto. Si procurarono il più meschino degli avvocati criminalisti: la Volpe.

Il giorno del processo la tensione era alle stelle, la tesi d’accusa si rivelò molto semplice:”Non esiste una vera correlazione tra Cerchio e Sfera, se non per rotazione. Quest’ultima però non è sufficiente, in quanto non possiamo calcolare il volume della sfera moltiplicando l’area del Cerchio per i gradi che ne misurano la rotazione. Inoltre la relazione che sta tra area del Cerchio e superficie della Sfera (4 x area del Cerchio) è assurda, poiché in nessun modo si può comporre una Sfera unendo quattro Cerchi.”

“È ridicolo! Sono totalmente impazziti!” strillarono il Cubo e il Cilindro. Dopo diversi avvertimenti vennero fatti allontanare dall’aula.

La Volpe proseguì: “Il mio cliente, il Raggio, è correlato ad entrambi gli imputati, ma ciò non implica che essi siano interconnessi in alcun modo. Pertanto, il Raggio è l’unico a possedere i diritti di generazione nei confronti della Sfera e chiede che vengano a lui riconosciuti.”

Gli avvocati difensori tentarono di dissuadere l’accusa in tutti i modi, ma la Volpe sembrava inarrestabile. Il giudice e la giuria erano sconvolti. La seduta venne sciolta e rimandata a data da destinarsi.

Nel giro di un anno tutti si dimenticarono della faccenda. Il Raggio lasciò cadere le accuse, nessuno gli chiese mai perché, né lo interpellarono più sul processo. Il Cerchio e la Sfera ritornarono alle loro routine.

Solo della Volpe non si seppe più nulla. Qualcuno dice che perse la parola e scese sulla Terra. Questa storia è stata dimenticata. La si può vivere solo nei luoghi dell’Oblio, come i sogni o i deliri di un pazzo.

-Lorenzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *